La società liberale occidentale, con le sue luci e le sue ombre, con il suo presente (digitale, glocale e secolarizzato) e con il suo passato, domina qui la riflessione, insieme alla questione della libertà e del suo ruolo nella crescita della persona umana. Lo studio intende essere il primo di una serie dedicata allo sviluppo umano integrale nella società odierna, secondo la Dottrina Sociale della Chiesa: la inaugura con una lettura critica del liberalismo morale americano, per il quale il pieno sviluppo della libertà sta nella scelta autonoma e non limitata dell’individuo, minacciata invece dalla mera esistenza di una verità ultima. La proposta ha il sapore di una sfida: è proprio la negazione del carattere situato della libertà umana. che porta a distruggerla.

Si toccano così vari temi, tra cui il rapporto tra legislazione e vita virtuosa. Gli autori, don Cristian Mendoza, associato di Dottrina Sociale della Chiesa, e Miriam Savarese, dottoressa di ricerca in Filosofia, consapevoli che, per capire il presente e orientare il futuro, sia necessario ripartire dal passato, hanno dedicato particolare attenzione al pensiero di papa Leone XIII. Il libro, di agile lettura, vuole offrire un percorso per riflettere specialmente dedicato a chi, grazie alla propria professione, possa influenzare lo sviluppo della società. La domanda centrale è: «Cos’è la libertà vera?», a partire dalla quale costruire, per favorire l’esistenza di una società veramente libera. Per la crescita della persona umana, anche la libertà deve svilupparsi pienamente: ciò avviene solo quando la libertà perfeziona sé stessa nella scelta moralmente buona.