Ciò che stupisce è l’assordante silenzio della Santa Sede, che mai interviene qualsiasi torto, qualsiasi ingiustizia, qualsiasi crudeltà venga perpetrata in Cina dal regime a danno dei cattolici. Non lo ha fatto quando, poche settimane fa, il Partito comunista di Wenzhou, nella provincia dello Zhejiang, ha imposto a tutti gli insegnanti di impegnarsi per iscritto a non professare alcuna religione, a promuovere attivamente l’ateismo tra gli studenti e la «nuova civiltà socialista», riservandosi ispezioni ed azioni disciplinari tra docenti ed alunni, qualora qualcuno si dichiarasse credente.

Ma la Santa Sede è rimasta muta anche quando la Sara ovvero l’Amministrazione statale cinese per gli Affari religiosi ha introdotto nuove norme circa le attività religiose straniere nella Repubblica popolare, sospettando che in esse possano intrufolarsi operazioni di “spionaggio”. Per questo è stato imposto loro una piena e totale sottomissione a leggi e regolamenti cinesi, devono registrarsi, accettare controlli sui propri membri (devono essere tutti, rigorosamente stranieri) e sul materiale in essi utilizzato, inoltre tali comunità devono restare del tutto isolate e non aver contatti con quelle analoghe cinesi. All’esterno delle attività religiose straniere non devono esservi simboli religiosi evidenti, non possono fondare scuole, fare “proselitismo” o accettare donazioni da cinesi.