Radici Cristiane

Diretto da Roberto de Mattei

Finlandia: Ex-ministro cita la Bibbia, a processo

Incredibile quanto accaduto in Finlandia nei confronti dell’on. Päivi Räsänen, ex-ministro degli Interni ed ex-leader del Partito Democratico-Cristiano: contro di lei il procuratore generale, Raija Toiviainen, ha aperto il quinto procedimento penale, sempre con la stessa accusa, quella d’aver compiuto un discorso «d’odio» nei confronti della galassia Lgbt, quest’ultima volta per aver semplicemente citato ciò che la Sacra Scrittura afferma in merito alle relazioni omosessuali. La parlamentare ora rischia due anni di carcere per ciascun fascicolo a suo carico, ma ha dichiarato di non aver paura di finire in galera: nel caso fosse dichiarata colpevole e condannata, ha detto, ciò segnerebbe «l’inizio di una censura di Stato su vasta scala. È difficile capire cosa stia accadendo nel mio Paese»; tuttavia, «più tacciamo su questioni complesse e controverse, più spazio viene rubato alla libertà di espressione ed alla libertà di coscienza». Il problema è che, in realtà, quanto accade non riguarda solo la Finlandia.

Ti potrebbe interessare anche:

Lettera del Mese

Ho letto recentemente di molti intellettuali e uomini di cultura, che, una volta convertitisi, hanno molto amato la preghiera del Rosario. Mi ha particolarmente colpito la storia della poetessa Ada Negri. Ho letto che ella era solita regalare Rosari agli amici. Eppure io ho sempre pensato che il Rosario fosse una pratica più legata al mondo dei semplici che dei colti. Voi che ne pensate?...

Leggi la risposta >