«Abbiamo visto come il comunismo si è introdotto in Venezuela. Ed è quanto sta avvenendo ora in Spagna»: a lanciare l’allarme, dalle colonne del quotidiano Abc, sono state Eva Buitrago, 65enne di Santa Cruz, e Violeta Perdorno, 59enne di Caracas, entrambe esponenti dell’Associazione Pensionati venezuelana. Scorgono ora nel Paese iberico gli stessi germi, che hanno portato il marxismo al potere in Venezuela, a partire dall’era Maduro.

E non sbagliano. A confermarlo autorevolmente in una lettera pastorale, è stato l’arcivescovo metropolita di Mérida-Badajoz, mons. Celso Morga Iruzibieta, che, dopo aver letto il programma del governo Psoe-Podemos, lo ha accusato senza mezzi termini di laicismo militante, pronto a rendersi «parte attiva nella rimozione totale di Dio dalla vita pubblica» e nell’«imporre l’ateismo pratico».

Non è un caso che il diritto dei genitori ad impartire ai figli un’educazione religiosa conforme alle proprie convinzioni sia stato definito dal neo-ministro per l’Educazione spagnolo, Isabel Celaá, del Partito Socialista Operaio, un «diritto accessorio». È lo stesso ministro, che due mesi fa, dal palco del congresso delle Scuole cattoliche, negò che la Costituzione iberica garantisca ai genitori il diritto di scegliersi la scuola per i propri figli e tanto meno un’educazione religiosa.

Secondo il card. Antonio Cañizares Llovera, arcivescovo metropolita di Valencia, «ciò che ha detto il ministro Celaá è una barbarie, è il più grande passo indietro che un governo possa fare. I genitori hanno il dovere e la responsabilità di educare i propri figli e niente e nessuno glielo può togliere, tanto meno lo Stato». Sua Eminenza ha bollato espressamente chi la pensi diversamente d’avere ancora la testa ai «gulag sovietici ed alla cultura comunista».

Eppure, nella valutazione degli alunni l’ora di religione non farà più media; inoltre, chi non la frequenti, avrà semplicemente una materia in meno, non essendone più previste alternative educative; vietate le scuole che propongano un’istruzione differenziata in base al sesso: chi non ha classi miste, può scordarsi di ricevere ancora soldi pubblici; verrà di contro potenziata nelle classi l’educazione «affettivo-sessuale», cavallo di Troia per inculcare una mentalità contraccettiva, abortista ed Lgbt-friendly alle nuove generazioni sin dalla più tenera età. Peggio di così…