In una scuola elementare di Winterthur, in Svizzera, ora gli alunni musulmani pretendono che i compagni di classe «infedeli» ovvero cristiani osservino il digiuno come loro durante il Ramadan, senza risparmiare pressioni psicologiche ed atti di stalking verso quanti non si adeguino. Ciò, nell’indifferenza più totale ovvero senza che nessuno senta la necessità di agire, di intervenire, nemmeno le organizzazioni di categoria degli insegnanti, del tutto zitte in merito, secondo quanto denunciato dall’agenzia on line austriaca Heute.

Franziska Peterhans, segretario generale dell’Lch, associazione elvetica dei docenti, ritiene che, in realtà, nessuno al momento venga “mobbizzato” e che pertanto, qualora degli alunni intendano digiunare per motivi religiosi propri, tale scelta debba essere «rispettata, conformemente a quanto previsto dalla Costituzione federale». Dipende da cosa si intenda per mobbing: pare che le definizioni siano molto elastiche in Svizzera. E nel resto d’Europa. Intanto, l’islamizzazione del Continente continua.