Un ragazzino di 13 anni si è risvegliato dal coma dopo che i suoi genitori avevano dato il consenso alla donazione degli organi.

è accaduto in Alabama (USA), al giovane Trenton McKinley, entrato in coma due mesi fa in seguito ad un incidente in cui aveva sbattuto violentemente la testa sul cemento, riportando diverse fratture al cranio. I medici avevano ritenuto che il suo caso fosse ormai disperato e ne avevano diagnosticato la morte cerebrale, convincendo i suoi genitori a staccare la spina e donare gli organi del figlio. Ma proprio qui è accaduto il fatto inaspettato. Non appena i macchinari che lo tenevano in vita sono stati staccati, Trenton ha ricominciato a respirare da solo ed ha ripreso conoscenza. I medici non sanno darsene una spiegazione e già si parla di miracolo.

Sbalorditive le parole pronunciate dal giovane una volta svegliatosi: «Ero in un campo aperto e camminavo dritto. Il fatto che io sia di nuovo qui non ha altra spiegazione se non Dio. Non c’è un’altra possibilità. Persino i medici lo hanno detto».