Luigi Conforti, nella sua opera Napoletani a Lepanto del 1886, osservò come vi fosse «in Napoli perenne arruolamento nelle storiche piazze, al batter del tamburo, quasi si trattasse d’un vero merc […]

Per visualizzare l'articolo Abbonati/Acquista