Fede religiosa e fedeltà monarchica furono tra le principali motivazioni, che spinsero gli Internati militari italiani a divenire “resistenti del no”: per non combattere coi nazionalsocialisti so […]

Per visualizzare l'articolo Abbonati/Acquista