Radici Cristiane

Diretto da Roberto de Mattei

Spagna: una donna “processata” da un tribunale islamico illegale

L’hanno costretta a salire su un’auto, l’hanno portata in un casolare e in venti, con barba lunga e turbante, l’hanno “processata” e condannata a morte. Ora quel “tribunale islamico” operativo in Spagna è finito nelle maglie della giustizia spagnola e dieci persone incriminate nel quadro di un’inchiesta. L’incriminazione arriva dopo la denuncia della vittima, che da quell’incubò è riuscita a fuggire e si trova adesso sotto la protezione della polizia.

Trent’anni, origini maghrebine, la giovane aveva denunciato in marzo di essere stata rapita a Tarragona, in Catalogna, e sottomessa a un processo sommario basato sulla sharia davanti a una sorta di corte islamica formata da estremisti religiosi. A farla “giudicare” sarebbe stato il marito, anche lui maghrebino, che lei aveva denunciato alla polizia spagnola per violenze e maltrattamenti. Dopo otto mesi di indagini, controlli e intercettazioni, il tribunale di Tarragona ha fatto arrestare 10 persone. Non è la prima volta che l’Europa scopre le “corti islamiche fai-da-te”. Anche in Inghilterra la stampa ha denunciato vari casi.

Ti potrebbe interessare anche:

Lettera del Mese

Ho letto recentemente di molti intellettuali e uomini di cultura, che, una volta convertitisi, hanno molto amato la preghiera del Rosario. Mi ha particolarmente colpito la storia della poetessa Ada Negri. Ho letto che ella era solita regalare Rosari agli amici. Eppure io ho sempre pensato che il Rosario fosse una pratica più legata al mondo dei semplici che dei colti. Voi che ne pensate?...

Leggi la risposta >