Radici Cristiane

Diretto da Roberto de Mattei

Pakistan: I cristiani vivono di nascosto il Natale per paura di nuove persecuzioni

Un Natale silenzioso è quello che si apprestano a vivere i cristiani in Pakistan. Un Natale all’insegna del “basso profilo”, senza luci o decorazioni esteriori. La comunità è ancora scossa dagli attacchi ai villaggi di Koriyan e Gojra, della scorsa estate, la guerra dell’esercito ai fondamentalisti ha scatenato una nuova ondata di attentati e il timore di nuove violenze resta alto.

Mons. Lawrence John Saldanha, arcivescovo di Lahore e presidente della Conferenza Episcopale Pakistana, conferma che il 2009 sarà un «Natale silenzioso», una ricorrenza a carattere «familiare», perché la situazione nel Paese è «molto brutta». In passato scuole e parrocchie organizzavano recite, canti, momenti di incontro legati alla festività.

Quest’anno, conferma il prelato, molti «hanno già cancellato gli appuntamenti in calendario» e non vi saranno nemmeno «le decorazioni» all’esterno di case ed edifici. «Non si avverte – aggiunge mons. Saldanha – un’atmosfera di gioia, non c’è felicità perché le persone hanno paura e sono sconvolte dalla situazione del Paese». Egli precisa però che le funzioni liturgiche e la messa di mezzanotte si terranno «come fatto normalmente in passato» e non teme «un calo nel numero dei partecipanti» perché «la loro fede è salda».

Gli attacchi a interi villaggi e gli omicidi extragiudiziali, perpetrati in nome della legge sulla blasfemia, hanno alimentato le paure e i timori della comunità cristiana. Tuttavia, dal Pakistan arrivano piccoli segnali di speranza per un cambiamento. La Commissione di inchiesta sugli incidenti di Gojra – un villaggio assaltato, case incendiate, 8 morti – guidata da un giudice dell’Alta Corte di Lahore, ha chiesto al governo di «prendere in seria considerazione l’incidente» e auspica una modifica della legge sulla blasfemia. Introdotta nel 1986 dal dittatore pakistano Zia-ul-Haq, essa prevede l’ergastolo e la pena di morte per chi profana il Corano o dissacra il nome di Maometto.

Ti potrebbe interessare anche:

Lettera del Mese

Ho letto recentemente di molti intellettuali e uomini di cultura, che, una volta convertitisi, hanno molto amato la preghiera del Rosario. Mi ha particolarmente colpito la storia della poetessa Ada Negri. Ho letto che ella era solita regalare Rosari agli amici. Eppure io ho sempre pensato che il Rosario fosse una pratica più legata al mondo dei semplici che dei colti. Voi che ne pensate?...

Leggi la risposta >