Radici Cristiane

Diretto da Roberto de Mattei

Santa Sede: Benedetto XVI ripristina la norma della maggioranza dei due terzi dei cardinali presenti in conclave per l’elezione del nuovo pontefice

Papa Benedetto XVI ha ripristinato la norma della maggioranza dei due terzi dei cardinali presenti in conclave per l’elezione del nuovo pontefice con un “Motu proprio” specifico che abroga quanto stabilito nel paragrafo 75 della Universi Dominici Gregis di Giovanni Paolo II, in cui si stabiliva come “valida elezione” del Romano Pontefice – qualora “le votazioni non avranno esito” – quella ottenuta “o con la maggioranza assoluta dei suffragi o con il votare soltanto sui due nomi, i quali nello scrutinio immediatamente precedente hanno ottenuto la maggior parte dei voti, esigendo anche in questa seconda ipotesi la sola maggioranza assoluta”.

Col “Motu Proprio” di oggi, Benedetto XVI fa salvo quanto sancito per l’elezione del Papa dal suo predecessore nel paragrafo 62 della Dominici Gregis, in cui in termini generali si richiedevano “per la valida elezione del Romano Pontefice i due terzi dei suffragi, computati sulla totalità degli elettori presenti”.

Dopo la promulgazione della citata costituzione apostolica, il 22 febbraio 1996, fa notare Benedetto XVI nel “Motu Proprio” di oggi, giunsero «non poche richieste, insigni per autorità» a Giovanni Paolo II di ripristinare la norma precedente dei “due terzi”. Di qui la decisione, sancita dal “Motu Proprio” promulgato oggi, di «abrogare le norme prescritte nel paragrafo 75 della Costituzione apostolica Universi Dominici Gregis di Giovanni Paolo, e di sostituirle con le norme che seguono: se gli scrutini di cui al paragrafo 72, 73 e 74 della Costituzione non hanno esito, si indica un giorno di preghiera, riflessione e dialogo».

Negli scrutini seguenti, prosegue il nuovo documento pontificio, i due cardinali che nel precedente scrutinio abbiano ottenuto la maggioranza dei voti devono fare in modo che «non si receda dall’esigere che anche in queste votazioni venga richiesta per una valida elezione la maggioranza qualificata dei suffragi dei cardinali presenti». D’ora in poi, quindi, perché il Papa possa considerarsi validamente eletto, anziché la metà più uno degli elettori, sarà sempre necessaria «la maggioranza dei due terzi dei cardinali presenti».

Ti potrebbe interessare anche:

Lettera del Mese

Ho letto recentemente di molti intellettuali e uomini di cultura, che, una volta convertitisi, hanno molto amato la preghiera del Rosario. Mi ha particolarmente colpito la storia della poetessa Ada Negri. Ho letto che ella era solita regalare Rosari agli amici. Eppure io ho sempre pensato che il Rosario fosse una pratica più legata al mondo dei semplici che dei colti. Voi che ne pensate?...

Leggi la risposta >