Radici Cristiane

Diretto da Roberto de Mattei

Cina: Nuova provocazione contro la Santa Sede

Come affermato nel Comunicato ufficiale della Sala stampa vaticana sull’ordinazione illegittima di Wang Renlei, avvenuta il 30 novembre scorso, l’ordinazione illecita avvenuta a Xuzhou (Jiangsu) il 30 novembre scorso ha creato «profondo dolore» nel Papa ed è un atto «estremamente grave», che offende «i sentimenti religiosi di ogni cattolico in Cina e nel resto del mondo». L’ordinazione, avvenuta senza rispettare i canoni «non corrisponde alla dottrina cattolica» e «sovverte principi fondamentali» della struttura gerarchica della Chiesa.

Quella di Xuzhou è l’ultima – in ordine di tempo – delle ordinazioni episcopali illegittime, che travagliano la Chiesa Cattolica in Cina ormai da alcune decine di anni, creando divisioni nelle comunità diocesane e tormentando la coscienza di molti ecclesiastici e fedeli. Questa serie di atti estremamente gravi, che offendono i sentimenti religiosi di ogni cattolico in Cina e nel resto del mondo, è frutto e conseguenza di una visione della Chiesa, che non corrisponde alla dottrina cattolica e sovverte principi fondamentali della sua struttura gerarchica.

È comunque consolante – afferma il comunicato – costatare che, malgrado le difficoltà passate e presenti, la quasi totalità dei vescovi, i sacerdoti, i religiosi, le religiose ed i laici in Cina, consapevoli di essere membra vive della Chiesa universale, hanno mantenuto una profonda comunione di fede e di vita con il Successore di Pietro e con tutte le comunità cattoliche sparse per il mondo.

Ti potrebbe interessare anche:

Lettera del Mese

Ho letto recentemente di molti intellettuali e uomini di cultura, che, una volta convertitisi, hanno molto amato la preghiera del Rosario. Mi ha particolarmente colpito la storia della poetessa Ada Negri. Ho letto che ella era solita regalare Rosari agli amici. Eppure io ho sempre pensato che il Rosario fosse una pratica più legata al mondo dei semplici che dei colti. Voi che ne pensate?...

Leggi la risposta >