Un tempo si diceva che anche Padova aveva delle “meraviglie”: il Santo senza un nome completo (S. Antonio), il prato senza erba (la piazza monumentale Prato della Valle) e il caffè senza porte (i […]

Per visualizzare l'articolo Abbonati/Acquista