Apri menu

Ultimo numero

Il mensile che si ispira ai valori perenni della civiltà cristiana

Abbonati adesso

Ultimi articoli

Quelle indulgenze “dimenticate”…

C’è chi vuol far credere che, dopo il Concilio Vaticano II, la concessione delle indulgenze sia stata abolita. Non è per niente così. La Chiesa, dispensatrice della misericordia divina, continua ad elargirle a determinate condizioni. E vale ancora quanto fissato dal Concilio di Trento: «Sono da considerare scomunicati quanti ne asseriscono l’inutilità».

Il Giubileo e le indulgenze

Il Giubileo cattolico ha le sue radici nell’Antico Testamento: è una grazia straordinaria d’indulgenza per la remissione dei peccati e delle pene dovute per le trasgressioni commesse. Papa Bonifacio VIII istituì il primo Giubileo il 22 febbraio 1300: fra i pellegrini, vi furono Dante, Cimabue, Giotto, Carlo di Valois, fratello del re di Francia, con la consorte Caterina. La prima grande indulgenza plenaria venne proclamata, invece, bandendo la prima crociata da papa Urbano II al Concilio di Clermont del 1095.

Il silenzio continua

Lo storico Alain Besançon è noto in Italia come uno dei maggiori studiosi del comunismo, nonché autore di diversi libri di successo come Novecento, il secolo del male o anche il Breve trattato di sovietologia. In quest’intervista accusa la Chiesa di sembrare sostanzialmente muta di fronte all’islam. Egli pone invece molte speranze nella Polonia, per rimettere l’Europa sulla retta via. Ma prima di tutto, egli afferma, la Francia avrebbe bisogno di un’«esplosione di santità», unico rimedio possibile.

Omoeresia

«Omoeresia» è uno dei due neologismi circolanti. L’altro è «omoideologia». Il primo indica il rifiuto, totale o parziale, del Magistero della Chiesa sull’omosessualità. Il secondo indica la promozione del gay fashion nel mondo. Questioni, su cui si sono spaccati già gli episcopaliani, mentre gli ortodossi russi han tagliato i ponti con i presbiteriani scozzesi ed i protestanti francesi. Ed anche i cattolici rischiano, nel caso prevalesse l’idea di una «Chiesa decentralizzata», come emerge da quest’intervista a don Andrzej Kobyliński, docente presso l’Università Card. Stefan Wyszyński di Varsavia.

Già oltre il gender…

Prima la pretesa di affondare la dualità eterosessuale, poi l’ambizione di superare anche il binarismo genderista, infine l’estrema svolta rivoluzionaria, quella che boccia addirittura il transgenderismo, per approdare alla dissoluzione piena e totale della sessualità col Manifesto pangender, giungendo ad un unicum parificato, fluido ed assolutamente indeterminato, inclusivo delle infinite combinazioni possibili, con buona pace dell’evidenza empirica, del sesso biologico e dei cromosomi: storia di un’utopia, che contiene in sé stessa i germi di un inesorabile fallimento.

Lo “spirito di Destra”

La netta affermazione del Front National, in Francia, alle scorse elezioni regionali, non è soltanto un voto di protesta, bensì l’adesione ad un preciso programma su temi cruciali come immigrazione, sicurezza e fisco. Ad affermarlo in quest’intervista, è l’on. Gennaro Malgieri, che ritiene possibile in Europa un nuovo “spirito di Destra”, solo però in un preciso processo di rinascita spirituale, fedele alle comuni radici cristiane e cosciente del pericolo islamico.

Più voce ai Cattolici

I Cattolici in Croazia hanno subìto diverse prove: prima cinque secoli di occupazione turca; poi cittadini di serie B nella Jugoslavia dei Karadjordjević; infine, vennero decimati dalle truppe titine, dalla dittatura comunista ed, infine, dalla guerra civile degli Anni ’90. La vittoria elettorale del Centrodestra, ora, dovrebbe garantire loro nuovi spazi. Ma incombe la minaccia della secessione serba. Ed il timore di un nuovo conflitto.

Qual piuma al vento

La politica estera e militare italiana è vaga, anzi ondivaga. Soprattutto col governo Renzi, che vi dedica sempre meno risorse. Ma il resto del mondo non può essere convinto nel prenderci in seria considerazione, se prima non vede la nostra ferma determinazione ad investire di più, a combattere i pericoli che ci minacciano ed a comprenderne i meccanismi, con realismo e senza le lenti rosa di un vago umanitarismo.

La penitenza chiesta dal Cielo, odiata dal mondo

Il concetto di penitenza è estraneo al mondo moderno, immerso nell’edonismo e nel relativismo. Nuovo è l’atteggiamento delle autorità ecclesiastiche impregnate di “cattolicesimo adulto”. Le penitenze mortificano l’Io, piegano la natura ribelle, riparano ed espiano i peccati propri ed altrui. E non solo…

Sign In

Lettera del Mese

No al dubbio metodico

Sono un uomo molto anziano, convintamente cattolico. Ricordo che quando ero ragazzino, il mio parroco, nelle sue frequenti catechesi, insisteva molto sulla conoscenza razionale di Dio. Mi è rimasta impressa una sua espressione: “L’uomo intelligente non può non credere in Dio”. Oggi, invece, nessuno parla più di queste cose. Ma non solo, mi sembra a volte che i sacerdoti insistano su una presunta “assurdità” della fede, che, proprio perché “assurda”, sarebbe meritevole. Voi che ne pensate?...

Leggi la risposta di Corrado Gnerre

Agenda del Mese

Pasqua – I Pasquali

Anticamente le cinque contrade cittadine gareggiavano nell’agghindare un agnellino con nastri e fiocchi; il candido e innocente agnello veniva quindi portato alla benedizione della S. Messa di Pasqua.

Quando:27 - 28 marzo
Dove: Lombardia | BORMIO (SO)